Storia


Nel 1896 sorse un’osteria che prese il nome di Macallé, il forte dove nel gennaio di quell’anno i militari italiani avevano opposto resistenza alle truppe del negus Menelik.

A seguito della forte richiesta di alloggi venne quasi subito trasformato in albergo. L’albergo Aurora, ricavato dall’ampliamento dell’osteria Macallé disponeva di dieci camere, sala da ballo, gioco di bocce e garage.






Nel 1961 l’albergo, che nel dopoguerra aveva mutato il nome in Albergo Europa, a seguito dell’alluvione del 1960 verrà demolito per lasciare il posto all’Hotel Brescia, edificato da Leone Piccinelli.


Leone Piccinelli, classe 1901, aveva iniziato la sua attività di albergatore con la gestione dell’albergo Tre Corone a Darfo, nel 1935 aveva costruito la Trattoria Impero per poi trasferirsi a Boario nel 1953 come gestore dell’Albergo Diana.




Negli anni successivi la gestione dell’Hotel Brescia passa nelle mani di Renzo Piccinelli.
La storia di Renzo Piccinelli è quella di un figlio d’arte. Un po’ di vocazione e un po’ di forza del destino, una buona dose di volontà propria e una decisa spinta familiare.

Sono gli anni migliori di Boario Terme: Renzo Piccinelli ristruttura, ammoderna, amplia, modifica. Non è legato a schemi, ma nemmeno teme le mode. Ad ogni nuovo problema oppone la qualità del servizio offerto, e questo lo rende vincitore.
Ama rischiare.
Dal 2007 la gestione è affidata a Roberto Piccinelli e al suo team.